electric lorem
Disorder. Festival, Arena di S.Antonio, Eboli 17 – 20 agosto

Disorder. Festival, Arena di S.Antonio, Eboli 17 – 20 agosto

0 Share

Disorder. Festival, Arena di S.Antonio, Eboli 17 – 20 agosto

Qualche settimana fa abbiamo ospitato ne “Il Salotto di Electric Lorem” su Radio Città del Capo i ragazzi del Disorder. Festival, evento giunto alla settima edizione, ospitato dall ...

Qualche settimana fa abbiamo ospitato ne “Il Salotto di Electric Lorem” su Radio Città del Capo i ragazzi del Disorder. Festival, evento giunto alla settima edizione, ospitato dalla città di Eboli dal 17 al 20 agosto.
E’ bastata una chiacchierata con loro per capire l’energia e la passione che sono state investite per mettere in piedi la nuova edizione del Festival, dopo il sempre maggiore successo acquisito negli anni scorsi.
Abbiamo così intervistato alcuni di loro per capire ancora meglio cosa aspettarci quando varcheremo le soglie del Disorder.

Come si è evoluto il festival dalla prima a quest’ultima edizione?

Il Festival nasce nel 2010 con il nome di Disorder Beer Fest – fermentazioni di un festival proprio come la birra il Festival avrebbe acquisito carattere nel corso del tempo. La fermentazione delle idee ha portato l’anno successivo ad un cambio di immagine, il nome si è sintetizzato in Disorder., la location, pur restando nel centro storico di Eboli, è cambiata e sono stati aggiunti segmenti nuovi nel corso delle varie edizioni. I concerti in seconda serata di Altrarea che si andavano ad aggiungere a quelli in Arena, lo spazio dedicato ai videotape, all’editoria, alle esposizioni artigianali ed artistiche hanno acquisito, anno dopo anno, sempre maggiore valenza. Anche la scenografia del Festival entra a far parte di questo immenso caleidoscopio che cambia costantemente per permettere ai fruitori di vivere ogni volta un’esperienza diversa.

Come mai la scelta di selezionare alcuni degli artisti e degli illustratori attraverso un contest? C’è stata molta risposta?

Quest’anno si è deciso di partire in maniere differente con la promozione del Festival. Il Disorder. ha un carattere fortemente identitario per ciò che concerne l’impronta grafica che è affidata a Manuele Altieri. La scelta di indire un contest di illustrazione è nata dalla volontà di coinvolgere un pubblico diverso rispetto a quello che gravita intorno alla musica, avevamo la necessità di confrontarci con una visione “Diversa”, un’ “Altra” visione del Festival da mettere in mostra durante i quattro giorni della manifestazione.La risposta degli artisti è stata notevole, e siamo molto fieri ed onorati delle proposte che sono arrivate. E’ bello poter guardare con gli occhi di una persona esterna quello che noi viviamo 365 giorni l’anno.

Disorder quest’anno è ALTRO. Perché la scelta di questo tema?

La scelta dell’Altro è nata da un’idea che alla fine non è andata in porto. Il tema però ci incuriosiva e abbiamo deciso di portarlo avanti. Arrivati al settimo anno il gruppo di lavoro aveva voglia di vivere nuovi stimoli. La scelta musicale è Altro se confrontata a quella proposta l’anno precedente. L’ambientazione del Festival sarà Altro rispetto a quello che si può trovare in un festival di musica indipendente. Anche la scelta grafica è Altroè la raffigurazione di diverse personalità sia di noi stessi, sia delle persone che incontriamo e conosciamo durante Disorder.

Dando uno sguardo alla line-up si vede come abbiate voluto dare più spazio alla musica elettronica. Avete pensato ad un’area dedicata?

La musica elettronica è sempre stata una parte importante di Disorder. A partire dal secondo anno abbiamo dedicato a questo genere uno spazio ad hoc che prende il nome di Altrarea. Noi lo consideriamo un piccolo Festival nel Festival.

Qui il link al sito se ancora non vi foste convinti a passare al Disorder. :

http://www.macrostudio.org/