electric lorem
DayKoda – Hard Times and View Points EP

DayKoda – Hard Times and View Points EP

0 Share

DayKoda – Hard Times and View Points EP

Esce oggi ‘Hard Times and View Points EP’, self-release del giovane DayKoda. Finalmente. Noi di Electric Lorem, come ben sapete, abbiamo tutte le bazze e ci stiamo ascoltando, rias ...

Esce oggi ‘Hard Times and View Points EP’, self-release del giovane DayKoda. Finalmente. Noi di Electric Lorem, come ben sapete, abbiamo tutte le bazze e ci stiamo ascoltando, riascoltando e divorando questo bel lavoro da più di un mese. Vi stavamo aspettando al varco.

Il bresciano Andrea Gamba ci racconta, in quattro tracce, i dolori e gli sconvolgimenti emotivi di un giovane ventunenne, partito alla ricerca della propria identita’ musicale e trasferitosi a Milano per studiare sound design al conservatorio ‘Giuseppe Verdi’. Si parte con ‘John Collins’, un inno alla stratificazione sonora: basi beat, loop eterei e una strizzatina d’occhio al quasi coetaneo Yakamoto Kotzuga. ‘Com Tlancy’s’ ci porta a fare un giro sul pianeta World Music, con quei suoi suoni d’ Africa tanto cari all’attuale scena italica. ‘Astral Message’ mostra invece il lato più etereo e downtempo di DayKoda che (per sua stessa ammissione) proviene direttamente da una formazione musicale basata su ascolti serrati e adolescenziali di gente come Bonobo, Shlohmo o Shigeto. ‘Input’ (con un bel featuring di Clark’s Forest) ci riporta indietro di quasi un decennio, verso quei territori Chillwave che tanto facevano hipster e che hanno rappresentato il momento d’oro per la scena delle barbe lunghe con reflex incorporata. Possiamo tranquillamente scomodare Washed Out e Slow Magic per farvi capire di che cosa stiamo parlando.

In conclusione possiamo dire che gli spunti per questo EP sono molti, cosi’ come le citazioni, anche importanti; questo non mette però in secondo piano il lavoro creativo dell’artista che, anzi, appare fresco e poliedrico al punto giusto. Andrea ha gettato le basi per un promettente futuro, ora tocca a lui far crescere queste radici e magari provare a differenziarsi rispetto a tutte quelle dinamiche che dominano la scena elettronica nostrana.

“Il ragazzo si farà, anche se ha le spalle strette”.

Ascoltate e contribuite QUI