electric lorem
Æmris – Casi

Æmris – Casi

0 Share

Æmris – Casi

Æmris è una nuova e giovane promessa proveniente dal sud Italia. Classe ’96, originario di Putignano, Æmris è uscito da poche settimane con il suo primo LP “Casi"; è stata l’irlan ...

Æmris è una nuova e giovane promessa proveniente dal sud Italia.
Classe ’96, originario di Putignano, Æmris è uscito da poche settimane con il suo primo LP “Casi”; è stata l’irlandese Variance Records a credere in lui e a farne uscire il primo lavoro.
Il fatto che un’etichetta internazionale l’abbia voluto non deve stupire: Æmris è sì molto giovane ma il suo stampo techno con punte di acid e dub fortemente personale gli ha permesso di lavorare già con grandi nomi;
Âme, Ben Ufo, Move D, sono solo alcuni degli artisti con cui Æmris ha collaborato, per non parlare della sua presenza come resident Deejay per Kode_1.
“Casi” contiene 7 tracce, fra cui 2 remix, che spaziano fra molti generi musicali che, nelle intenzioni dell’artista, riflettono differenti stati d’animo.
L’album narra degli sconvolgimenti psico-fisici che avvengono in un paziente affetto da disturbo bipolare, processo che lo stesso Æmris ha avuto modo di seguire da vicino.
L’eterogeneità che permea l’album comincia così a prendere forma. La musica oscilla fra sonorità acute e disturbanti che corrispondono alle fasi “up” del paziente, per poi affievolirsi in favore di un’atmosfera ambient pacata, sintomo di ritorno alla tranquillità e di un riassestamento emotivo.
L’equilibrio raggiunto viene però presto spezzato dal sopraggiungere di una nuova fase acuta, ma questa volta in direzione opposta: suoni cupi, angosciati e angoscianti, fanno da colonna sonora a sentimenti di tristezza e depressione.
Compreso il senso dell’album e delle emozioni che vuole trasmettere, capiamo quanta cura e attenzione è stata posta nella composizione di ogni singolo suono.
L’album presenta anche due remix finali per la felicità degli avvezzi alla musica da club: il francese Vlaysin e l’irlandese Scenedrome, hanno portato alla luce due versioni techno delle tracce “Nameless” e “Troath”.